fbpx

Loading...

Un salto a Trieste! Curiosità & Consigli

Un salto a Trieste! Curiosità & Consigli
News

Oggi parliamo di Trieste.

Perchè Trieste? La settimana scorsa, in occasione del Forum Nazionale dei Giovani Soci delle BCC d’Italia, ho rappresentato il Cilento in una delle città più popolose d’Italia, secondo la classifica (Calendario Atlante De Agostini 2004) la quattordicesima.

Per raggiungere Trieste (dal Sud Italia) il mezzo di trasporto consigliato è l’aereo, perchè i collegamenti ferroviari allungano di molto il percorso. Ben 10 ore con 2 cambi.

Credevo di trovarmi d’innanzi ad una delle città più frenetiche del nord, per la sua popolosità, per la sua importanza storica, per il suo ruolo centrale all’interno della Regione (Trieste è il capoluogo del Friuli Venezia Giulia), per la presenza di uno dei porti più importanti del nord Italia. In realtà Trieste è diversa da come immaginavo.

E’ una città sede di importanti uffici pubblici, popolata maggiormente da impiegati e dipendenti. Si percepisce un fermento, ma di natura lavorativa. Sicuramente non è possibile riscontrare e vivere i ritmi del Sud, tuttavia manca quella spinta in più che renderebbe Trieste una città fortemente turistica. Le bellezze architettoniche e artistiche potrebbero candidare la città a diventare punto di riferimento del turismo culturale, sfruttando la vicinanza con gli stati stranieri confinanti. In realtà la posizione e la storia di Trieste fanno sì che la popolazione locale si senta più vicina agli usi e ai costumi stranieri che a quelli italiani. Ciò comporta una mancata identità del cittadino di Trieste e quindi una confusione sulla definizione all’esterno. Trieste, però, si annovera per essere una città davvero multiculturale, grazie alla presenza di numerosi luoghi di culto, espressioni di diverse religioni. Importante è il castello “Miramare”che attira migliaia e migliaia di turisti e visitatori.

Trieste rimane una delle città italiane che vale la pena visitare, magari conoscendo qualche curiosità:

  • Nel 1938, in occasione di una visita di Benito Mussolini a Trieste, la fontana dei Quattro Continenti venne rimossa per liberare Piazza dell’Unità, una delle più belle d’Italia. Venne ricollocata nella piazza nel 1970, in una posizione leggermente più a lato (verso ovest) rispetto all’attuale.  Il 10 ottobre 2000, nell’ambito della ristrutturazione dell’intera piazza, la fontana è stata spostata nuovamente al centro, riponendola in asse con il municipio dimenticando però, di spostare il meccanismo idraulico. Infatti, oggi, la fontana è priva di acqua. 
  • Se doveste passare da Trieste, ricordatevi che, nei locali, con la parola “Buffet” non si intende la tavola per un rinfresco o una colazione da consumarsi in piedi, ma un’osteria tipica dove si offre soprattutto il prosciutto cotto in “crosta di pane”(uno dei piatti tradizionali).
  • Trieste è la città del caffè, tuttavia ho bevuto il peggior caffè della mia vita. Pare infatti che la nomea sia dovuta alla presenza della nota azienda di caffè “Illy” fondata a Trieste nel 1933.