fbpx

Loading...

Coronavirus Italia: come si vive, oggi, nel Cilento?

Coronavirus Italia: come si vive, oggi, nel Cilento?
News

Il calore avvolgente della famiglia, le tavole imbandite, la Primavera che sta per sbocciare, aria di campagna e sentite melodie che esplodono dalle finestre…questo è l’abbraccio in cui si chiude il Cilento!

Sembrava una minaccia lontana, un problema di cui non occuparci, una piaga che riguardava esclusivamente la Cina…e invece, solo qualche settimana fa giunge la notizia di un primo caso di contagio nel Cilento. È così che, un territorio che si stava preparando al dolce arrivo della Primavera, con temperature miti ed alberi in fiore, si appresta ad affrontare un morbo, che arriva dall’altra parte del mondo.

Oggi, 19 Marzo 2020, si contano diversi comuni, interessati dal contagio su tutto il territorio cilentano e così quella zona montuosa, ricca di Bandiere Blu, è diventata zona rossa, come tutto il resto d’Italia e i sui cittadini si ritrovano a fare i conti con un lungo e barboso periodo di quarantena.

Ma come si stanno affrontando queste drammatiche pagine di storia nel Cilento?

I cilentani vantano tradizioni, usi e principi morali molto forti. Primo fra tutti la famiglia! Nelle case del Cilento, infatti, in queste ore, si sta celebrando la festa del papà e in quale modo migliore, se non a tavola? Le nonne cilentane hanno fritto una gran quantità di “Zeppole di San Giuseppe”, con una piccola variante, in quanto la ricetta cilentana prevede l’utilizzo delle patate.

E così, molti nipoti costretti alla reclusione, hanno potuto condividere e imparare questa ricetta antica, nella speranza che venga, in futuro, tramandata. Molti notiziari, in questi giorni, hanno riportato la notizia che nei supermercati d’Italia, ma soprattutto del Sud, sia finito il lievito… è proprio vero dalle nostre parti il cibo è un piacere e quando l’emergenza sarà conclusa, vi aspettiamo nel Cilento, per lasciarvi travolgere da sapori unici, ereditati e ricercati.

Travolgenti come la musica che in queste ore sofferte, irrompe dai balconi delle nostre abitazioni e ci fa sentire meno soli. È partito proprio dal Sud e dal nostro amato Cilento, un coro di speranza, unione e condivisione… come un abbraccio nel vento, per sentire vicine le persone ormai lontane. Persone che dai balconi hanno condiviso caffè, musica e parole di conforto…questo è il cuore eterno del Cilento!

La grande fortuna di vivere qui, si comprende proprio in questi momenti, perché quella dei cilentani non è una quarantena qualunque…non vi sto scrivendo dal sesto piano di un’abitazione fredda, che presenta un solo balcone, che affaccia su una strada grigia e noiosa…ma dalla mia finestra, dove come in un quadro, immense distese di verde, ciliegi in fiore, canti di uccellini e acque cristalline, rigenerano le mie speranze e mi fanno credere che andrà tutto bene.

Ai cilentani basta poco, devono solo scendere nel cortile solitario sotto casa, per respirare a pieni polmoni, aria di campagna e ottimismo! È in nome di questa speranza che vi rivolgo un invito…quando tutto questo sarà finito, le famiglie avranno riabbracciato i propri cari e commemorato quelli persi a causa di questo male sconosciuto, non dovremmo più badare alle distanze, le mascherine non andranno più di moda, il prezzo dell’amuchina gel tornerà al pari del suo valore, il prossimo non ci farà più paura e racconteremo di questo tempo solo come un brutto ricordo…

insomma quando saremo pronti a scattare nuove fotografie e torneremo a viaggiare…vi aspetto “nella mia terra”…per brindare insieme alle nostre sagre, con il nostro vino locale e poi per cantare e ballare felici, musiche popolari fino a tarda notte, sotto un cielo di stelle, dopo aver assaggiato prodotti tipici, visitato borghi caratteristici, attraversato sentieri tortuosi, ammirato cascate trasparenti, volato tra alte vette, domato cavalloni azzurri e aver battuto le mani al cielo, su spiagge affollate di giovani amori.

Vuoi conoscere altre curiosità sul Cilento?

Allora segui il mio canale Youtube cliccando semplicemente QUI

Ti aspetto nel Cilento.

Aldo Olivieri
Aldo Olivieri

Autore Articolo

Vive nel Cilento da quando aveva 5 anni. Dal 2011 ha deciso di dedicarsi al suo territorio, prima nel forum dei giovani, nell’associazionismo locale e poi nella pro loco. Dopo varie esperienze di organizzazione, promozione, realizzazione di iniziative, valorizzazione territoriale, ha fondato nel 2017, insieme ad un gruppo di amici cilentani, l’agenzia turistica Hitourist. Da allora ha cercato di unire tutte le sue passioni in quest'attività. Gli piace scoprire sempre nuove curiosità, ma soprattutto ama la sua terra. Ha deciso, così, di divulgare e far conoscere il Cilento con i mezzi a sua disposizione.